17300 EURO GRAZIE AL NOTAIO CARMELO CANDORE

asc_1258.jpg - 97.78 Kb

17.300 EURO GRAZIE AL NOTAIO CARMELO CANDORE – luglio 2012

asc_1258.jpg - 97.78 Kb


Ci sono diversi modi per festeggiare il proprio quarantacinquesimo compleanno: una semplice torta, una cena, un viaggio esotico …. Oppure si può decidere un evento speciale, Come ha pensato di fare il notaio Carmelo Candore, che ha organizzato a Ville Ponti il 30 giugno, una grande festa alla quale hanno partecipato circa 450 persone. Un galà da sogno, elegante e raffinato, con spettacoli, balli in discoteca e un menù da mettere in serio pericolo la dieta, che è stata l’occasione per aiutare i bambini in ospedale non solo a guarire, ma a guarire giocando. Il notaio Candore, infatti, ha chiesto agli invitati di non fare regali, ma di destinare l’equivalente del dono al Ponte del Sorriso.

Una decisione dettata anche da un risvolto personale. Il dr. Candore aveva conosciuto Emanuela Crivellaro, Presidente della fondazione Il Ponte del Sorriso Onlus, al primo anno di Giurisprudenza. Insieme avevano studiato e svolto un’importante ricerca per Sociologia del Diritto. La vita e gli studi avevano poi preso strade diverse e per oltre venticinque anni non vi era più stato nemmeno un incontro, anche se il notaio aveva seguito l’impegno della ex compagna di università, rivolto ai bambini ammalati.

“Sono io che invidio te per quello che fai per i bambini e per gli obiettivi che stai raggiungendo” ha risposto il notaio, quando Emanuela Crivellaro ha ricordato agli ospiti le sue notevoli qualità da studente, che già facevano intravvedere la possibilità di emergere. Diventare professionisti affermati, non significa perdere sensibilità verso chi soffre.

I bambini ricoverati al Ponte del Sorriso hanno voluto ringraziare il gesto di generosità, confezionando un enorme fascio di fiori: quarantacinque lunghi rametti veri, coperti da centinaia di corolle di carta. “E’ il più bel regalo che ho ricevuto” ha affermato il dr. Candore. Il biglietto di auguri, sempre scritto dai bambini, riportava un rafforzativo: grazie con due zeta!  Azzeccatissimo, visto l’importante cifra raccolta, interamente devoluta al Ponte del Sorriso, che ammonta a 17.300 euro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *